Giorgio Vasari - Opera Omnia >>  Le vite de pi¨ eccellenti architetti, pittori et scultori




 

ilvasari testo integrale brano completo citazione delle fonti commedie opere storiche opere letterarie in prosa e in versi



I A C O P O    D E T T O    L '   I N D A C O


Iacopo detto l'Indaco fu discepolo di Domenico del Ghirlandaio e molto destro maestro nel tempo suo. Et ancora ch'e' non facesse molte cose, quelle che furono fatte da lui, sono molto da commendare. Fu persona faceta et amorevole, e dilettossi vivere con assai pochi pensieri, passando il tempo. Trovavasi spesso a Roma in compagnia del divin Michele Agnolo, il quale aveva molta sodisfazzione del suo commerzio. Lavor˛ a Roma parecchi anni, et in quella, assai dedito a piaceri, condusse pochi lavori d'importanza. In Santo Agostino di Roma alla porta della facciata dinanzi, entrando in chiesa a man ritta, la prima cappella Ŕ di man sua, dentrovi nella volta quando gli Apostoli ricevono lo Spirito Santo; e di sotto due storie di Cristo, l'una, quando E' leva da le reti Andrea e Piero, e l'altra, la cena di Simone e la Maddalena, nella quale Ŕ un palco di legno di travi con molta vivacitÓ contrafatto; e questo lavor˛ egli in muro, e cosÝ a olio in detta cappella Ŕ la tavola di sua mano molto ben fatta e condotta, che merita commendazione assai, nella quale fece un Cristo morto. Et | alla TrinitÓ in Roma Ŕ di sua mano una tavoletta, dentrovi la Coronazione di Nostra Donna. E cosÝ s'and˛ passando il tempo con dilettarsi pi˙ del dire che del molto fare. PerchÚ trattenendo egli Michele Agnolo, mangiavano quasi sempre insieme, ma e' gli era un dÝ per la importunitÓ del cicalare venuto a noia, onde lo mand˛ per comperar fichi una mattina per desinare; et avendo Iacopo a ritornare, Michele Agnolo serr˛ la porta di dentro, perchÚ picchiando forte Iacopo, Michele Agnolo non gli rispondeva. Onde venutogli collera, prese le foglie co' fichi e su la soglia della porta le stese; e partitosi stette molti mesi senza parlargli. Fece burle infinite, le quali non accade raccontare. E giÓ fatto vecchio, di etÓ d'anni lxviii in Roma si morÝ.








eXTReMe Tracker
        Giorgio Vasari - Opera Omnia  -  a cura de ilVignettificio  -  Privacy & cookie